Vivere in Positivo

Membro Organizzativo della Association for Coaching, Italy.

Scuola di Reiki - Vivere in Positivo

Informazioni

Scuola di Reiki - Vivere in Positivo

Scuola di Reiki - Vivere in Positivo

1  - 2  Livello  Reiki Metodo Usui

Master Reiki

Scuola del Vivere in Positivo

Reiki Master Judith Faulkner

Sito web: http://viverepositivo.com
Luogo: Lungotevere della Vittoria n. 1 Roma
Membri: 190
Attività più recente: 17 Ott 2016

LA MIA ESPERIENZA PERSONALE SUL REIKI


Descrivere l'esperienza Reiki in due righe non lo è.
Quando una persona prova un'esperienza importante e desidera parlarne, condividerla con altri, desidera anche che gli altri capiscano.

Ho deciso di imparare e iniziare a praticare Reiki insieme ad una persona molto importante.
Quando l'ho conosciuta ho scoperto che siamo in sintonia su parecchie cose, e in ciò che riguarda la spiritualità abbiamo una visione che ci accomuna.

Con il Reiki mi sono immersa in un’atmosfera calma che mi ha messo subito a mio agio e la sensazione e piacere di essere molto vicino a me stessa.

Ogni volta che pratico Reiki è come se mi stessi facendo un “regalo”
E praticarlo agli altri lo è ancora di più.

Apprendere Reiki, arrivare a sentire fluire Reiki attraverso me, attraverso le mie mani o dalle mani di chi lo pratica su di me, mi ha resa sicuramente più serena, più positiva, mi fa stare bene e in equilibrio con tutto.

Non c'è una persona a cui non lo consiglierei.

E' un'esperienza che fa stare bene con se stessi e con gli altri.
La prima sensazione che mi ha dato ricevere il primo livello di Reiki e stata quella di vedere più limpido, tutto più chiaro e più facile, più spensierato e più coraggioso.
Mi ha dato equilibrio interiore e la consapevolezza dell'essere una persona viva.
Mi ha insegnato come prima cosa che il Reiki è quanto di più buono che esista nell' universo e non chiede nulla in cambio.

Reiki ci porta al silenzio delle parole, dei gesti, degli atti della mente, perché possiamo essere in grado di ascoltare e sentire il pulsare dell'Universo in noi.

Reiki é un'energia dolce, é il viaggio in sé, il modo come camminiamo,
la nostra accettazione rispetto a tutto quanto ci offre la vita.

Dopo essere stata toccata dall'iniziazione al Reiki, guardo ogni problema, ogni ostacolo, come una opportunità di crescita e meravigliosa trasformazione.

E' un onore per me ricevere Reiki e praticare Reiki,
essere a disposizione trasmetterlo ad altre persone,
con responsabilità e sopratutto, umiltà, nello stesso modo come mi é stato trasmesso dalla mia Maestra e prima dai Maestri.

Questo è uno dei motivi per cui ho accettato di condividere sul Club la mia esperienza e con dei buoni compagni è decisamente più facile.

Un’esperienza Unica per me!
Grazie.
Domenica
p style="text-align: left;">

 

Reiki has been known and used, under many names, for thousands of years in the East but was kept as a closely guarded secret and virtually lost until the beginning of the 20th century, when a Japanese man called Mikao Usui re-discovered it.

Mikao Usui was born on August 15th, 1865, in the village of Yago. He was a, simple and humble person, physically healthy and well-proportioned. He never showed off and always had a smile on his face; he was also very courageous in the face of adversity. He was, at the same time, a very cautious person. He was a very talented student and travelled to several Western countries and China to study. He loved to read, and his knowledge of medicine, psychology, fortune telling and theology of religions around the world was vast. (It is also believed that he was well versed in Ki Ko, the Japanese form of Chi Kung). It is unlikely that he was ever a Christian, as taught by Hawayo Takata, but he did study Tendai, Shingon, Mikkyo and Zen Buddhism.

At one point he did run into some bad luck (possibly a failed business venture) but he did not give up and trained himself arduously. In order to sort out his life he went to Mount Kurama, on a 21-day retreat to fast and meditate. It was at the end of this period that he felt the great Reiki energy over his head, which lead to the Reiki healing system. He first used Reiki on himself, then tried it on his family. Since it worked well for various ailments, he decided to share this knowledge with the public at large. He opened a clinic at Harajuku, Tokyo, in April 1922, where he not only gave treatment to many patients but also hosted workshops to spread his knowledge. Following the Kanto earthquake, in 1923, Usui took Reiki to the devastated city and treated hundreds of the survivors. He became so popular that he had to open a new clinic at Nakano, in February 1925. He died from a stroke, in Fukuyama, on March 9th, 1926.


MusicPlaylistRingtones
Create a playlist at MixPod.com

Spazio commenti

Commento

Devi essere membro di Scuola di Reiki - Vivere in Positivo per aggiungere commenti!

Commento da Domenica su 8 Maggio 2013 a 22:00

alla luce, cresce e vive.kanji-6 Rappresenta il seme, la cellula, il più piccolo atomo dove si origina ogni cosa e dove alberga l’energia vitale che è in stretta connessione con l’energia Universale. Rappresenta l’intima essenza di ogni cosa (foto 6).

Il reiki quindi non fa altro che spiegare che noi possiamo essere guaritori di noi stessi se solo sappiamo stare a contatto con la nostra energia e sappiamo mantenerla in equilibrio con la nostra più intima essenza. Il dolore, un malessere o altri disturbi fisici spesso non sono altro che sintomi di un disequilibrio energetico che ha bisogno di ritrovare il suo sblocco e il suo equilibrio: il Reiki è un rimedio a ciò.

L’ideogramma di prima spiega l’unione di due concetti fondamentali: Rei e Ki

Possiamo definire Rei come la rappresentazione dell’energia che ci circonda, l’Energia Universale che fluisce in ogni cosa: possiamo chiamarla Spirito, Luce, Dio, Principio Universale o con qualsiasi altro nome che esprima questa forza. Lo stesso Einstein affermava, studiando atomi, molecole, masse e forze che tutto è energia. Il concetto basilare che si acquisisce infatti con il Reiki è proprio questo: Tutto ciò che è, è energia.

Possiamo invece definire Ki l’Energia Individuale, quell’energia che distingue ogni essere da un altro: possiamo anche chiamarla Anima, Coscienza, Personalità, Identità, Carattere o qualsiasi altro nome che esprima questa forza che si muove all’interno e che ci permette di interagire con l’intera realtà.

Il benessere di ogni individuo sta proprio nell’equilibrio del Rei e del Ki, nell’equilibrio tra la propria energia e quella che muove tutto quanto l’Universo di cui facciamo parte.

Il Reiki non è una religione, non è una scienza nè una filosofia ma è solo una sana consapevolezza della propria energia e una capacità di saper raggiungere una grande armonizzazione interiore, un benessere fisico e mentale.

Il Reiki agisce sui blocchi energetici che spesso creano sintomi e disturbi riportando tale energia a fluire di nuovo mantenendo così il benessere fisico e mentale.

Commento da Domenica su 8 Maggio 2013 a 22:00

Origini del Reiki – Il Mito di Mikao Usui

Secondo la tradizione e la leggenda fu Mikao Usui, nato in Giappone nel 1865 ad avviare e sviluppare questa pratica affermando di aver ricevuto tale saggezza e tale pratica dopo settimane di digiuno e sola meditazione sul Monte Kurama.

Mikao era un monaco cristiano che dopo aver studiato e conosciuto Gesù attraverso gli studi della Bibbia e delle Sacre Scritture volle cercare di capire la natura dei suoi miracoli per dare così risposta non solo alle sue curiosità ma anche a quella di molti suoi discepoli che chiedevano dimostrazione che quanto fosse stato scritto nelle Sacre Scritture corrispondesse a verità.

Da cristiano, Usui rispose ai suoi studenti che aveva assoluta fiducia in ciò che da sempre si era detto di Cristo e che c’erano testimonianze dei suoi miracoli. Tuttavia alle insistenze di uno studente che voleva capire se fosse realmente possibile guarire o resuscitare addirittura, Usui rispose che non poteva e non sapeva farlo perchè nessuno gli aveva mostrato come fare.

Dopo quella conversazione lo stesso Usui prese la decisione di partire per provare che quello in cui credeva non era fantasia.

Partecipò a delle sedute di meditazione di alcuni monaci di un Tempio Zen e gli fu permesso di leggere dei Sutra. Ci vollero molti anni perchè le trascrizioni erano antiche ed erano scritte addirittura in cinese, perciò dovette prima imparare il cinese per comprendere poi quanto leggeva in quei testi. Poi pensò che quanto era scritto in quei Sutra potesse avere origini molto più antiche risalenti all’antica lingua indiana se non addirittura sanscrita. Imparò anche queste altre due lingue e studiò con grande impegno per molto tempo ma alla fine riuscì a trovare quello che cercava.

Interpretare quel testo direttamente dal sanscrito, un testo scritto circa 2000 anni prima, non fu di certo facile, così Usui prese un’importante decisione: si recò sul monte Koriyama dove meditò e digiunò per 21 giorni.

In quei 21 giorni di ritiro fuori dal mondo e lontano da chiunque, digiunando e vivendo di solo acqua, si dedicò alla lettura di quei Sutra. Arrivò esausto e sfinito fino all’ultimo giorno e proprio durante l’ultima meditazione una forte luce apparve davanti a lui e come per magia davanti a sè cominciò a vedere in lettere dorate tutto quanto aveva letto in sanscrito. Non sentì da quel momento più freddo, fame, paura o stanchezza ma sentì una nuova forza invaderlo e pensando fosse un miracolo decise di tornare in città. Alla prima locanda si fermò per mangiare e riposare ma non potè: si imbattè infatti nella figlia del proprietario che continuava da giorni a lamentarsi per un gran mal di denti. Usui pensò di mettere le mani sulle guance di quella ragazza e come per incanto quel dolore così forte si alleviò immediatamente.

Commento da Domenica su 8 Maggio 2013 a 21:59

Da quel momento applicando ciò che lui stesso cominciò a definire Reiki iniziò a dare sollievo e a guarire molte persone. Tuttavia però i risultati non furono sempre quelli sperati: tutte le persone da lui guarite finivano ugualmente per ritornare ad essere ciò che erano. Lo sconforto prese il sopravvento, Usui pensò che forse il lavoro di tanti anni era stato inutile: persone che aveva curato e guarito finivano per ritornare alla stessa situazione di prima.

Fu allora che il maestro Usui capì che ciò che veramente doveva essere guarito non era il fisico bensì la mente; capì che guarire il corpo non bastava se poi nel proprio Spirito l’atteggiamento e i pensieri non cambiavano, ciò che serviva era aiutare la gente a guarire la propria vita e il proprio modo di essere, bisognava insegnare loro ciò che veramente era importante: essere grati alla vita, benedire qualsiasi cosa capiti nella nostra esistenza, amare e benedire tutte quelle persone che incontriamo.

Usui capì che ciò che bisogna guarire prima di ogni cosa è ciò che si ha nel cuore, capì che bisognava imparare a trasformare la rabbia in comprensione, l’odio in amore, il rancore e il risentimento in buoni sentimenti.

In un certo senso è come ripetere un gesto che sappiamo per certo che non giova al nostro essere! Possiamo anche medicare una ferita dopo una scottatura se vogliamo ma se non impariamo a tenere il dito lontano dal fuoco, possiamo anche medicarlo tante volte ma il risultato sarà sempre quello di scottarci le dita.

Da questa importante constatazione Usui cominciò a “guarire” la mente e il cuore prima che il fisico insegnando a tutti gli uomini saggezze come l’essere grati alla vita, essere onesti, generosi, ringraziare sempre e benedire tutti coloro che ci circondano considerandoli doni del Cielo.

E’ ancora tramandato il famoso principio del Reiki che dice:

Solo per oggi non ti arrabbiare
Solo per oggi non ti preoccupare
Guadagnati da vivere onestamente
Onora i Genitori, Maestri e gli Antenati
Mostra gratitudine per ogni cosa vivente.

Usui trascorse così tutto il resto della sua vita viaggiando a piedi per tutto il Giappone insegnando e praticando il Reiki.

Andava nei posti più affollati tra la gente e vagava tra la folla con una lampada accesa anche di giorno. E quando qualcuno gli chiese il perchè di quella lampada in pieno giorno lui rispose: ” Quello che sto cercando io non si vede con la luce del sole. Io cerco coloro che abbiano voglia di far luce nel loro cuore e nella loro vita…. “

Ovviamente questa è solo la leggenda, raccontata dai suoi discepoli, di Mikao Usui, personaggio in realtà veramente esistito e vero fondatore del Reiki.

Fonte: http://sakuramagazine.com/reiki-storia-e-origini/

Commento da Domenica su 24 Gennaio 2013 a 13:05

Commento da Domenica su 23 Gennaio 2013 a 20:53

Commento da Domenica su 18 Novembre 2012 a 0:26

Commento da Domenica su 30 Settembre 2012 a 19:03

Commento da Domenica su 4 Agosto 2012 a 19:07

Commento da Domenica su 26 Luglio 2012 a 18:21

Commento da Domenica su 9 Maggio 2012 a 18:02

Trattamenti Reiki a distanza

Nel Reiki esiste la possibilità d'inviare un trattamento Reiki a distanza.

Equivale a un trattamento Reiki a contatto e prevede le stesse modalità nell'esecuzione dei trattamenti

Richiedi il tuo trattamento Reiki a distanza.

4 trattamenti a euro 50.00

Per info scrivere a viverepositivo@yahoo.it

oppure inviare un sms allo 331/9291940

Grazie


 

Membri (188)

 
 
 

SCUOLA del Vivere in Positivo

PER INFO CHIAMARE IL 334/3238702
oppure inviare richiesta a viverepositivo@yahoo.it

Membro Organizzativo della Association for Coaching, Italy una delle due maggiori Associazioni di settore a livello internazionale che riunisce oltre 5000 Coach in tutto il mondo in 48 Paesi


Per info viverepositivo@yahoo.it

Contatti 334/3238702

Il Blog di Judith Faulkner

Blog di Judith Faulkner
Powered by Conduit Mobile

Blog di Judith Faulkner

Guest House"La dolce villa"

Clicca sul LinkInserzioni pubblicitarieInserisci un tuo banner nel sito Vivere Positivo

Per  informazioni

cell.
334/3238702

oppure invia una email a:


viverepositivo@yahoo.itSei appassionato/a di Giappone e Culture Orientali?

Vuoi imparare il Giapponese?

Visita allora il sito:

www.SakuraMagazine.com




Cicli Zarma   è un marchio che firma uno stile di vita sportiva all’insegna di un’attività svolta con passione, determinazione


 E’ ITALIANISSIMA.

Cicli Zarma….un marchio che vive dal 1927 ci puoi trovare in:via Roma,185

35027 - Noventa Padovana

PADOVATel. 049.625184

Fax 049.8932360

Compleanni

Compleanni di domani

© 2018   Creato da Domenica.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio