Vivere in Positivo

Membro Organizzativo della Association for Coaching, Italy.

Perche secondo voi e cosi importante di amare e accetare noi stessi ?

Visualizzazioni: 460

Risposte a questa discussione

Cara Judith, La Vita è un dono Meraviglioso!
Ho voglia di urlare al mondo che AMO LA VITA E AMO ME STESSA.
Ho voglia di urlare al mondo che sono riuscita a liberarmi ed ora sono SERENA E FELICE.
Al mondo TUTTO E' POSSIBILE, basta avere CORAGGIO.

Grazie per questa domanda!!!

Voirrei dire a tutte quelle persone che si ritengono deboli, senza coraggio nell'affrontare la vita, che le paure possono essere sconfitte.

Impariamo a usare il potere dei nostri pensieri per realizzare ciò che desideriamo nella vita.
Imparariamo ad amare profondamente noi stessi!
Amare se stessi è una meravigliosa opportunità per sperimentare in breve tempo meravigliosi cambiamenti e trasformazioni nella nostra vita.

Solo se amiamo, accettiamo e approviamo realmente chi siamo e come siamo.
L'approvazione e l'accettazione di noi stessi, sono le chiavi per arrivare a cambiamenti positivi in ogni aspetto della nostra vita.

Dite anche voi IO AMO LA VITA E AMO ME STESSA.

domenica64








► Rispondi
Perchè altrimenti senza questa condizione, non possiamo accettare ed amare gli altri. ;-)
Belllissima Roberta... grazie per queste parole..... passo dopo passo si arirva alla Consapevolezza di quanto è Grande e Immenso L'Amore .......
.perchè la Vita è meravigliosa........ è un Dono e dobbiamo apprezzarlo ogni giorno e essere Grati di poter dire...... "Oggi e un bellissimo giorno e tutto va per il mio meglio."
"Ama il prossimo tuo come te stesso" : ma se non ti ami come fai? e poi tutto ciò che noi abbiamo in noi lo trasmettiamo agli altri e da loro ci torna: ma se non abbiamo amore per noi stessi , come possono amarci gli altri? Ed infine: amare noi stessi significa amare il Dio in noi.

Pace !

Roberta A.
E quindi... il primo passo verso amare sestesso deve essere smetere di tratare sestesso male...
Cioe, non badare alla vocina che dice :"Non sono abastanza brava..."
si è bello riuscire ad amare se stessi....io mi amo ma il mio problema è l'autostima e il sottovalutarmi forse perchè i miei genitori mi hanno fatta sempre sentire una.... e quindi ora sono abituata cosi'. Non riesco nemmeno a farmi rispettare!!! non da tutti chiaramente


domenica64 said:
Cara Judith, La Vita è un dono Meraviglioso!
Ho voglia di urlare al mondo che AMO LA VITA E AMO ME STESSA.
Ho voglia di urlare al mondo che sono riuscita a liberarmi ed ora sono SERENA E FELICE.
Al mondo TUTTO E' POSSIBILE, basta avere CORAGGIO.

Grazie per questa domanda!!!

Voirrei dire a tutte quelle persone che si ritengono deboli, senza coraggio nell'affrontare la vita, che le paure possono essere sconfitte.

Impariamo a usare il potere dei nostri pensieri per realizzare ciò che desideriamo nella vita.
Imparariamo ad amare profondamente noi stessi!
Amare se stessi è una meravigliosa opportunità per sperimentare in breve tempo meravigliosi cambiamenti e trasformazioni nella nostra vita.

Solo se amiamo, accettiamo e approviamo realmente chi siamo e come siamo.
L'approvazione e l'accettazione di noi stessi, sono le chiavi per arrivare a cambiamenti positivi in ogni aspetto della nostra vita.

Dite anche voi IO AMO LA VITA E AMO ME STESSA.

domenica64








► Rispondi
Hello Valentina,
Decidati di amare te stessa proprio perche i tui genitori non sapevano esprimere amore per te. Hai sofferto abastanza.
Ciao Valentina ti allego alcune citazioni tratte dal Libro di Louise L. Hay di Come Amare Se Stessi:

Come amare se stessi

Stop alle critiche
Le critiche non servono a niente e non cambiano mai nulla. Rifiutatevi di criticare voi stessi. Accettate voi stessi esattamente per come siete. Tutti cambiamo. Quando criticate voi stessi, i vostri cambiamenti sono negativi. Quando approvate voi stessi, i cambiamenti sono positivi.

Non terrorizzatevi
Smettetela di spaventare voi stessi con i vostri pensieri. È un modo di vivere orribile. Trovate immagini mentali che vi danno piacere (la mia è pensare a rose gialle) e immediatamente sviate quel pensiero che vi fa paura verso uno che vi fa stare bene.

Siate gentili, premurosi e pazienti con voi stessi
Siate gentili con voi stessi. Siate premurosi con voi stessi. Siate pazienti con voi stessi mentre imparate i nuovi modi di pensare. Trattate voi stessi come fareste con qualcuno che amate profondamente.

Siate gentili con la vostra mente
L’odio per voi stessi è semplicemente odio per i vostri stessi pensieri. Non odiate voi stessi per aver avuto certi pensieri. Gentilmente cambiate pensieri.

Lodate voi stessi
L’essere critici abbatte il vostro spirito interiore. Esprimere elogi lo innalza. Lodate voi stessi più che potete. Dite a voi stessi quanto siete bravi, anche per le piccole cose.

Sostenete voi stessi
Trovate modi per sostenere voi stessi. Chiamate un amico se necessario e permettetegli di aiutarvi. Chiedere aiuto quando ne avete bisogno significa essere forti.

Siate amorevoli verso le cose negative
Riconoscete che siete stai voi a crearle per dare espressione ad un bisogno. Ora, siete in grado di trovare nuovi modi positivi per soddisfare i vostri bisogni. Dunque, potete amorevolmente lasciare andare le vecchie abitudini negative.

Prendetevi cura del vostro corpo
Imparate cose sulla nutrizione. Che tipo di sostentamento il vostro corpo vi richiede per avere energia e vitalità ottimali? Imparate sull’esercizio fisico. Che tipo di esercizi potete fare che vi danno gioia? Amate e venerate il tempio in cui vivete.

Lo specchio
Guardate nei vostri occhi molto spesso. Esprimete questa crescente sensazione d’amore che avete per voi stessi. Perdonate voi stessi guardandovi allo specchio. Parlate ai vostri genitori guardandovi allo specchio. Perdonate anche loro. Almeno una volta al giorno dite a voi stessi: “Io ti amo, Io ti amo davvero!”

Amate voi stessi…ORA!
Non aspettate fino a quando non vi sentirete meglio, o perderete peso o avrete il nuovo lavoro o la nuova relazione. Cominciate adesso e fate il meglio che potete.


Estratto dal libro: Love Yourself: Heal Your Life Workbook
mony mi hai fatto commuovere!!!! ormai a venticinque anni della mia vita non piango piu adesso... pero' sono serena ora. E comunque ho accettato e compreso il mio passato e non mi fa piu' male come prima....solo che è difficile che mi stimo...ecco tutto qua....tipo ,io sono una bella ragazza solo che insieme agli altri mi sento la piu' "bruttina" la meno simpatica e cosi' via e divento molto timida...non mi è mai capitata una cosa simile so solo che prima ero una disperazione...aggressiva...sicura di me stessa...una che sa tener testa a tutto e a tutti e ora da due anni ormai sono prorpio cambiata...so che i miei amici mi vogliono un mondo di bene e tutti i conoscenti e nessuno pensa di me male sono solo io che non mi sento mai all'altezza di niente. mai...e questa cosa non mi piace ma non riesco a cambiarla...
Benissimo MonYv........ così ...... Sono Grata di Vivere........
Le chiavi per un cambiamento positivo sono l'approvazione di sé e l'accettazione di sé nel momento presente.

Vale a dire che chiunque, inclusi noi stessi, ha fatto e sta facendo il meglio che può in ogni momento, con l'esperienza, la comprensione e la conoscenza che ha o ha avuto in quel dato momento.

Ciò non vuol dire giustificare o dimenticare le nostre "malefatte" passate o presenti, ma vuol dire che da questo momento possiamo accettarci così come siamo, comprendendoci e perdonandoci per le nostre attuali incapacità, cosa che può essere anche dolorosa.

Se da bambini i nostri genitori erano infelici, con molti sensi di colpa o con molte paure, o carichi di rabbia, abbiamo senz'altro appreso numerosi concetti negativi su noi stessi e sulla vita.

Abbiamo anche dovuto rinunciare a molte cose per adeguarci ai loro insegnamenti e non perdere il loro amore.

Crescendo e diventando adulti trasformiamo le nostre esperienze in modo da ricostruire l'ambiente emozionale della nostra infanzia e ripetiamo nei rapporti personali lo stesso tipo di relazioni che abbiamo avuto con i nostri genitori.

Ma soprattutto trattiamo noi stessi come loro ci hanno trattato, cioè ci puniamo, ci incolpiamo, ci consideriamo male, ci svalutiamo, ci odiamo.

Abbiamo invece bisogno di conoscere il bambino che vive ancora nel profondo di noi, e di diventare il genitore affettuoso di cui il nostro bambino interiore ha bisogno.

Impariamo quindi anzitutto ad amare e perdonare noi stessi. Come possiamo aspettarci che gli altri ci amino e ci accettino se noi per primi non ci amiamo e non ci accettiamo?

Anche se ci ci hanno insegnato il contrario, noi meritiamo e possiamo essere amati, a patto che anzitutto siamo noi a crederci, poiché quello che crediamo e pensiamo diventerà realtà per noi.

Lasciare andare il passato
Ripercorrendo gli eventi della propria vita, ognuno di noi ha avuto successi e insuccessi. Ma se mettiamo a fuoco le situazioni che riteniamo non vadano per il meglio, possiamo notare che hanno delle caretteristiche in comune, delle costanti che si ripetono nel tempo e che alla lunga si rivelano determinanti affinchè quelle situazioni vadano male.

Dice Louise Hay che per ogni situazione che si ripete c'è un bisogno dentro di noi.

Se non fosse così non avremmo bisogno dei fallimenti, dei rapporti mediocri, della povertà, degli eccessi o di qualunque altra cosa corrisponda a un nostro problema.

Questi comportamenti che non vorremmo avere sono però solo dei sintomi e volontà e disciplina non bastano se non si elimina la causa. I sintomi torneranno di nuovo quando la volontà a un certo punto verrà meno.

È fondamentale invece entrare in contatto con i bisogni sottostanti e imparare a comunicarli con efficacia. Sono bisogni fondamentali di amore, di nutrimento, di contatto, di accettazione, di riconoscimento, di sicurezza e considerazione che quasi sempre ci rifiutiamo di ammettere.

Da bambini abbiamo imparato che esprimere liberamente le nostre emozioni è una cosa negativa. E questo vale un po' per tutte le emozioni ma in particolare per ciò che ha a che fare con la sessualità e la rabbia.

La rabbia è talmente repressa che molti di noi sono spaventati dalla propria rabbia: temiamo di non riuscire a controllarla e che ci spinga a compiere qualche azione dannosa. Il risultato è che la rabbia o esce in modo del tutto inconscio e incontrollato come in un attacco d'ira, oppure si esprime in modo nascosto o spostato.

E' invece importante e liberatorio permettere a noi stessi anzitutto di sentirla completamente e renderci così finalmente conto di quanta ne abbiamo e poi di creare una situazione sicura dove poterla esprimere: da soli all'inizio è difficile, meglio con una guida, con una persona esperta di cui ci possiamo fidare.

In una situazione sicura possiamo permetterci di parlare ad alta voce o di urlare, di scalciare o diventare collerici, di insultare chi vogliamo, di colpire cuscini e materassi, o qualunque altra cosa vogliamo fare.

Dopo aver fatto ciò in un ambiente sicuro, saremo molto più coscienti della nostra rabbia e di quali situazioni ci fanno arrabbiare e impareremo a mostrarla (non ad agirla) senza troppa paura di compiere atti distruttivi.

Saremo capaci di affrontare tali situazioni nella maniera che riteniamo sia più efficace e cominceremo ad usare la fermezza al posto della rabbia per farci valere.

Impareremo a chiedere ciò che ci serve e a fare ciò che desideriamo senza farci influenzare dagli altri o sentirci in colpa per i nostri desideri.

Dopo aver provato e manifestato la nostra rabbia, è necessario cercare il dolore che essa nasconde per sentirlo ed esternarlo. Utilizziamo la rabbia come meccanismo di difesa per non sentire questo dolore.

RSS

SCUOLA del Vivere in Positivo

PER INFO CHIAMARE IL 334/3238702
oppure inviare richiesta a viverepositivo@yahoo.it

Membro Organizzativo della Association for Coaching, Italy una delle due maggiori Associazioni di settore a livello internazionale che riunisce oltre 5000 Coach in tutto il mondo in 48 Paesi


Per info viverepositivo@yahoo.it

Contatti 334/3238702

Il Blog di Judith Faulkner

Blog di Judith Faulkner
Powered by Conduit Mobile

Blog di Judith Faulkner

Guest House"La dolce villa"

Clicca sul LinkInserzioni pubblicitarieInserisci un tuo banner nel sito Vivere Positivo

Per  informazioni

cell.
334/3238702

oppure invia una email a:


viverepositivo@yahoo.itSei appassionato/a di Giappone e Culture Orientali?

Vuoi imparare il Giapponese?

Visita allora il sito:

www.SakuraMagazine.com




Cicli Zarma   è un marchio che firma uno stile di vita sportiva all’insegna di un’attività svolta con passione, determinazione


 E’ ITALIANISSIMA.

Cicli Zarma….un marchio che vive dal 1927 ci puoi trovare in:via Roma,185

35027 - Noventa Padovana

PADOVATel. 049.625184

Fax 049.8932360

Compleanni

© 2018   Creato da Domenica.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio