Vivere in Positivo

Membro Organizzativo della Association for Coaching, Italy.

Informazioni

Wayne W. Dyer

Il Dott. Wayne W. Dyer, psicologo, affettuosamente considerato "il padre della motivazione"

Sito web: http://www.drwaynedyer.com
Membri: 150
Attività più recente: 28 Feb 2017

Wayne W. Dyer

Wayne Dyer è nato a Detroit nel 1940.
In America è molto popolare, oltre che per le sue opere scientifiche, anche per l'attività di psicoterapeuta; si è dedicato particolarmente alla divulgazione sul tema del pieno sviluppo della personalità.

Nei primi testi ("Le vostre zone erronee", " Prendi la vita nelle tue mani", " Te stesso al cento per cento") l'Autore punta decisamente sul potenziale insito in ogni essere umano insegnando in modo chiaro e semplice, come diventare veramente padroni di se stessi e come sfuggire al ruolo di vittima che sempre qualcuno ci vuole imporre.
Ci mostra come togliere le nostre "zone erronee" per conquistare una indipendenza di giudizio e di comportamento.

Dyer afferma che il cambiamento può iniziare fin da subito e che è possibile sprigionare tutte le energie, i talenti, i desideri che risiedono in noi e che normalmente non siamo consci di possedere. Dyer ci invita a coltivare due atteggiamenti fondamentali per poter crescere ed evolvere: abbandonare le vecchie convinzioni e bandire il dubbio.

La produzione letteraria successiva (" Credere per vedere", " Come fare miracoli" " Il tuo sacro io") vede un tentativo, a nostro parere ben riuscito, di avvicinare i lettori ad alcune dimensioni ritenute patrimonio di pochi.
Dyer ci accompagna in un viaggio in cui lo spirito trionfa sull'ego, aiutandoci a penetrare ulteriormente nella nostra dimensione intima, vero ricettacolo del mistero umano.

L'Autore ci invita ad una crescita spirituale, conscio che questo ampliamento di coscienza personale e collettivo non potrà che portare benefici nella nostra vita di tutti i giorni
Dr Wayne Dyer - The Power of Intention


Quando stiamo sognando, durante il sonno, o quando fatastichiamo, in un momento di pausa della giornata, ci capita spesso di concepire desideri e obiettivi ben più grandi e ambiziosi di quelli che esprimiamo da «svegli». Ma ci destiamo sempre pensando: Non posso farcela. E così ci precludiamo la possibilità di ottenere ciò che veramente vogliamo.

In questo libro, Wayne W. Dyer ci insegna a usare l'antica arte della meditazione per chiarire i nostri pensieri, desideri e obiettivi, e ad applicare i nove principi per fare entrare nella nostra vita ciò che da sempre sogniamo

Forum di discussione

Dr Wayne Dyer interviewed on Lilou's Juicy Living Tour

Continua

Iniziata da Dorothy M Rowatt 31 Lug 2011.

Spazio commenti

Commento

Devi essere membro di Wayne W. Dyer per aggiungere commenti!

Commento da Domenica su 16 Gennaio 2016 a 21:14

Siate umili

Non permettete che l'approvazione e l'attenzione degli altri vi annientino. Rimanete umili e grati per tutte le vostre realizzazioni, e sappiate che una forza più grande del vostro ego è sempre all'opera nella vostra vita.

Traduzione Laura Arcangeli

Commento da Domenica su 11 Gennaio 2016 a 0:24

L’ego crede sempre che non abbiamo abbastanza, che gli altri hanno più di noi, che ci sono cose nuove e più belle, che gli altri non ci apprezzeranno a meno che non compriamo quella certa cosa, che ci manca il prestigio e che un oggetto firmato renderà la nostra esistenza migliore.
Questo è esattamente il contrario di ciò che lo Spirito ci sussurra piano piano: “Sei già perfetto, sei un prodotto dell’abbondanza universale, perciò rilassati e goditi la vita… ciò che desideri si manifesterà con meno sforzo e senza ansie”.

Wayne Dyer – La voce dell’ispirazione

Commento da Domenica su 8 Gennaio 2016 a 0:32

Quanto vali non può essere verificato dagli altri. Vali perché tu lo dici.

Se tieni conto dell’altrui stima per sapere quanto vali, quella è, appunto, una stima altrui.


Wayne Dyer

Commento da Domenica su 30 dicembre 2015 a 0:33

Get Inspired del
By Dr. Wayne W. Dyer

Cambiate la vostra percezione

Ricordate questa massima: Quando cambiate il modo di guardare le cose, le cose che guardate cambiano. Il modo di percepire le cose è uno strumento estremamente potente che vi permetterà di portare pienamente il potere dell'intenzione nella vostra vita.

Commento da Domenica su 28 dicembre 2015 a 21:41

Impegnatevi a sviluppare la vostra fede giorno per giorno ritagliandovi del tempo per restare in silenzio e in contatto cosciente con la Sorgente Creatrice del vostro essere.
Trascorrendo del tempo a meditare in comunione con lo Spirito, non solo vi sentirete rinati, ma farete anche vostro un sistema di difesa che non può essere penetrato da alcun tentativo esterno di privarvi dell’ispirazione, per quanto gli altri ci provino.
Infine, vi accorgerete che non vi interesserà più ricevere energie non ispirate nella vostra vita attraverso i media, né tramite qualunque altro mezzo.

Wayne Dyer – La voce dell’ispirazione

Commento da Domenica su 21 dicembre 2015 a 1:10

Dell’amore esistono tante definizioni quanti sono i parlanti. Vedi se questa può servirti: la capacità e volontà di permettere alle persone a cui si vuol bene di essere ciò che vogliono essere, senza insistenza o pretesa alcuna che esse diano soddisfazione.
Potrebbe essere una definizione utile. Resta il fatto che pochi sono capaci di adottarla. Come puoi arrivare al punto di lasciare essere gli altri ciò che vogliono essere, senza pretendere che soddisfino le tue attese??
Semplicissimo. AMANDO TE STESSO. Prendendo coscienza della tua importanza, del tuo valore, della tua bellezza, non esigerai che altri rafforzino il tuo valore o i tuoi valori nel conformare il proprio comportamento alle tue esigenze o pretese. Se sei sicuro di te, non desideri né hai bisogno che gli altri siano come te.
Intanto, tu sei tu, e sei UNICO; quella pretesa, inoltre, toglierebbe agli altri la loro unicità, mentre ciò che tu ami in loro sono proprio quei tratti che li rendono speciali e distinti.
Comincia a quadrare: tu prendi ad amare te stesso, e d’un tratto sei in grado di amare gli altri, di dare agli altri, di agire per gli altri, dando prima a te stesso e agendo a tuo beneficio. La tua generosità , allora, non ha trucchi. Tu non dai per essere ringraziato o trarre vantaggi, ma per l’autentico piacere che trai dall’aiutare o amare gli altri.
Ma se non vali nulla, ovvero non ami te stesso, ti è impossibile dare. Come puoi dare amore se non vali? Che valore avrebbe il tuo amore? E se non puoi/sai dare amore, nemmeno puoi/sai riceverne. Che valore avrebbe l’amore dato ad una persona che non vale nulla?? Tutta la questione dell’essere innamorati, del dare e ricevere amore, incomincia da un Io che si ama totalmente.
Puoi lanciare una sfida, con la tua capacità di amarti, a ogni sorta di sentimenti che provi verso te stesso. Ricorda che mai in nessuna circostanza, odiarsi è più salutare che amarsi. Anche se hai agito in un modo che detesti, il disprezzo per te stesso, non farà che immobilizzarti e danneggiarti. Anziché odiarti sviluppa sentimenti positivi. Impara dagli errori, decidi di non ricadervi, ma non associarli al senso del tuo valore.
In ciò consiste la principale difficoltà, tanto dell’amore verso se stessi quanto dell’amore per gli altri:non mai confondere il concetto di sé (che è un dato di fatto) col proprio comportamento, o con quello degli altri verso di noi.
A costo di ripetermi: non è una cosa facile.
I messaggi che invia la società sono soverchianti: “sei cattivo”, anziché “ti sei comportato male”; “non piaci alla mamma quando ti comporti così”, invece di “alla mamma non piace il tuo comportamento”. Le conclusioni che potresti aver tratto da tali messaggi sono: “non le piaccio. Devo essere proprio un infame”, anziché “non le piaccio. Così ha deciso, e con tutto che la cosa non mi vada, resto una persona”
In “Nodi”, R.D.Laing (psichiatra scozzese, uno tra i maggiori ispiratori del movimento dell’antipsichiatria ),così sintetizza il processo onde i pensieri altrui vengono incamerati e assimilati alla valutazione che una persona ha di se stessa:
Mia madre mi vuole bene
Sono felice.
Sono felice perché mi vuole bene.
Mia madre non mi vuole bene.

Commento da Domenica su 21 dicembre 2015 a 1:09

Sono triste.
Sono triste perché non mi vuole bene.
Sono cattivo perché sono triste.
Sono triste perché sono cattivo.
Sono cattivo perché non mi vuole bene.
Non mi vuole bene perché sono cattivo.
Non è facile superare i modi di pensare acquisiti nell’infanzia. Può darsi che l’immagine che ti sei fatto di te stesso si basi ancora su percezioni altrui. Se è vero che i profili originali che ti sei fatto li hai appresi dalle opinioni degli adulti, non è però detto che te li debba portare dietro per sempre.
Sì, è duro liberarsi delle vecchie abitudini e cancellare le ferite non rimarginate; ma anche più duro tenersele, quando si considerino le conseguenze.
Con la pratica mentale puoi compiere alcune scelte di amore verso te stesso che ti lasceranno sbalordito.
Chi sa amare? Chi forse si comporta in maniera da auto-demolirsi? No di certo. Chi si abbatte e si nasconde in un angolo? Nemmeno. Il saper dare e ricevere amore incomincia a monte, da te, che hai fatto il voto di smetterla con comportamenti dettati da scarsa stima di te stesso e che sono divenuti abituali.
Prima di tutto devi distruggere il mito secondo il quale avresti un unico concetto di te stesso, o sempre positivo o sempre negativo. In realtà, le immagini che ti sei fatto di te sono numerose e variano da momento a momento. Se ti domandassero: “lei si piace?”, potresti essere incline ad ammucchiare tutte le opinioni negative in un “No” generale. Se dal generico passi allo specifico, puoi lavorare al conseguimento di taluni scopi ben definiti.
Hai delle opinioni su di te, sul piano fisico, intellettuale, sociale ed emotivo. I tuoi autoritratti sono tanti quante le attività che svolgi, e attraverso tutti questi comportamenti c’è sempre una persona, TE STESSO, che o accetti o rifiuti. IL tuo valore intrinseco, quell’ombra amica sempre presente, colei che consulti ai fini della tua felicità e padronanza personali, e le tue autovalutazioni, devono essere correlate.
Esisti, sei un essere umano: è tutto ciò che ti serve sapere. Quel che vali è determinato da te, e non occorre fornire spiegazione. E il tuo valore, un dato di fatto, non ha nulla a che vedere con il tuo comportamento, con le tue sensazioni, emozioni e stati d’animo.
Può darsi che il tuo modo di fare in un dato caso non ti piaccia, ma ciò non ha rapporto con il tuo valore intrinseco. Puoi decidere di avere sempre valore per te stesso, e lavorare sulle immagini che ti sei fatto di te ….

Wayne W.Dyer
Le vostre zone erronee

Commento da Domenica su 18 dicembre 2015 a 23:33

Basta dire no alla confusione

dal BLOG del Dr. Wayne W. Dyer

Spesso mi viene chiesto: "Come faccio a sapere se è il mio ego o il mio Sé Superiore che mi parla in ogni momento della vita?"
In ogni momento della vita scegliete tra due immagini o valutazioni di voi stessi. Le opzioni disponibili includono quello che offre la vostra anima, o Sé superiore, e che io immagino come la voce di Dio, e quello che è offerto dall'Ego, o meglio la vostra idea falsa di voi stessi. La risposta alla domanda di cui sopra è: "Se ti dà un senso di pace, allora è il tuo Sé superiore che è al lavoro." Il vostro Sé superiore spinge sempre verso una risoluzione dei conflitti che si verificano nella vostra vita, in modo che ci sia spazio per la serenità e l'armonia. Se, invece, vivete con il turbamento interiore, litigando continuamente con voi stessi con ansia e paura, poi permettete al vostro ego di dominare la vostra vita.

In ogni momento, avete la possibilità di scegliere la pace per voi stessi. Il vostro falso sé vive di angoscia interiore, perché questo è ciò di cui pensa di aver bisogno per rimanere in vita. L’Ego promuove pensieri come questi: “non posso essere felice e contento;” “devo essere una persona cattiva per sopravvivere;” “Se mi sento tranquillo mi limiterò solo a vegetare,” “ devo sempre guardare come vivono gli altri e comportarmi di conseguenza per farmi valere.” L'ego vi vuole in un costante stato di agitazione. Vi convince che se non siete sempre sul chi va là, non potete crescere.

Tenete a mente, però, che se si verifica questo turbamento interiore è per una scelta che voi avete fatto quella di permettere al vostro falso sé di dominare la vostra vita. Quando scegliete la pace, permettete letteralmente il Divino nella vostra vita, e anzichè vegetare, scoprite che potete essere occupati, propositivi, beati e avere comunque e sempre ancora la pace.

Il solo sapere che la pace è sempre un'alternativa è un motivo di risveglio. Sostituire le ansie e le agitazioni che sentite consiste quindi semplicemente nel permettere al vostro Sé superiore di conquistare qualsiasi situazione in cui state per per permettere ai turbamenti di entrare. Il vostro ego vi spinge nella direzione della lotta. Dovete essere pronti a vedere cosa sta per accadere e chiedere al vostro Sé superiore di inviare al vostro ego un messaggio di “ ora non voglio proprio.” Sapete che avete sempre il potere di scegliere. Quando optate per l’agitazione e l’ansia, permettete al vostro ego di prendere il sopravvento: potete essere, invece, una dimora per la pace.

Traduzione Laura Arcangeli

Commento da Domenica su 13 dicembre 2015 a 16:44

Wayne Dyer: Mantenete la Vostra Visione e Fatene la Vostra Realtà

Postato da Mariu

Un’ascoltatrice del mio show radiofonico mi ha raccontato la seguente storia: era sopravvissuta ad un terribile terremoto nel suo paese natio, aveva perso il marito in quel terremoto, era emigrata negli Stati Uniti con il figlio sopravvissuto e lavorato per poter vedere il figlio frequentare l’Università. Ora stava tentando di seguire il suo sogno di creare un’organizzazione benefica per aiutare le vittime di disastri, ma si era scoraggiata perché la sua visione non si stava manifestando tanto velocemente quanto sperava.

Come può qualcuno che è riuscito a sopravvivere a tutte quelle circostanze scoraggiarsi a questo punto?

Le ho detto senza mezzi termini di dover continuare a credere nel suo sogno e che doveva essere disposta a mantenere viva quella visione!

Tutti noi siamo qui per uno scopo. Quando lo trovate, mantenete la visione nonostante tutte le difficoltà e gli ostacoli che si possano presentare. Per mantenere la visione occorre non essere disposti a fare compromessi su quello che stare visualizzando. Significa essere capaci di affrontare le battute d’arresto e quello che sembra essere un Universo riluttante.

Anche se non siete convinti che potete fare accadere qualcosa che non è mai accaduto prima, cercate di creare una visione per il vostro sé autentico, destinato a fare grandi cose, a gioire di realizzazioni, felicità e successo, meritevole di tutto il meglio che la vita ha da offrire. Quando avviene questo, sarete in corrispondenza vibrazionale con la Sorgente di ogni cosa, e questa nuova ricettività diverrà il vostro stile di vita. Quando qualsiasi cosa si presenta che non è in armonia con la visione, prendete il consiglio di Lao-tzu: “Per poter eliminare le influenze negative, semplicemente ignoratele”.

Tali parole sono così semplici e pure così profonde.

Mantenete alta la vostra visione e fatene la vostra realtà.

Vi amo,
Wayne

Tratto dalla newsletter di Wayne Dyer di Aprile 2013

Commento da Domenica su 10 dicembre 2015 a 21:39

Ci sono due bambini stretti tra le pareti dell'utero materno che parlano tra loro. due gemelli uno si chiama Spirito e l'altro Ego

Spirito dice a Ego: "So che per te sarà difficile da accettare, ma cred...o veramente che dopo la nascita ci sia una vita."

Ego risponde: "Non essere ridicola. Guardati attorno. Non esiste altro che questo. Perchè devi sempre pensare a qualcosa che stà oltre questa realtà? Nella vita devi accettare il tuo destino. Mettiti comoda e dimentica tutte queste sciocchezze sulla vita dopo la nascita."

Spirito si tranquillizza per un pò, ma la sua voce interiore non sa rimanere silenziosa a lungo e gli dice: "Ego, adesso non arrabiarti, ma ho qualcos'altro da dire. Io credo anche che esista una Madre"

"Una Madre?" scoppia a ridere Ego... "Come fai a essere così assurda? Non hai mai visto una Madre. Perchè non puoi accettare l'idea che non esista altro che questo? L'Idea di una madre è folle. Tu sei qui, sola con me. Questa è la realtà. Adesso afferra saldamente quel cordone. Và nel tuo angolo e smettila di essere così stupida. Credim, non c'è nessuna Madre."

Riluttante Spirito interrompe la conversazione con Ego, ma la sua inquietudine ha ben presto la meglio. e dice: "Ego", implora..."per favore, ascolta senza rifiutare la mia idea. In qualche modo io sento che le costanti pressioni che entrambi avvertiamo, quei movimenti che a volte ci fanno stare scomodi, quei continui cambiamenti di posizione e quella sensazione di essere sempre più avviluppati via via che cresciamo, ci preparano per un posto di luce splendente, e noi lo sperimenteremo molto presto"

"Adesso capisco che sei completamente pazza" risponde Ego "Finora hai conosciuto soltanto il buio. Non hai mai visto la luce. Come può anche solo sfiorarti una simile idea? I movimenti e le pressioni che senti sono la tua realtà.
Tu sei un essere distinti e separato. Questo è il tuo viaggio. Oscurità e pressioni e la sensazione di essere avviluppata fanno parte della tua vita. Dovrai combattere finché vivrai. Ora afferra il tuo cordone e stai tranquilla, per favore"

Spirito si rilassa per un pò, ma poi sbotta un'altra volta.
"Ego, ho ancora una cosa da dire, una sola e poi non ti annoierò più"

"Continua" risponde Ego impaziente.

"Io credo che tutte queste pressioni e questa scomodità non solo ci condurranno verso una luce celestiale nuova, ma che quando la sperimenteremo, incontreremo la Madre faccia a faccia e conosceremo un'estasi che supera qualsiasi cosa abbiamo sperimentato fino a questo momento"

"Sei veramente matta, Spirito. Ora ne sono profondamente convinto"

.
Una metafora del dr. Wayne W. Dyer

 

Membri (149)

 
 
 

SCUOLA del Vivere in Positivo

PER INFO CHIAMARE IL 334/3238702
oppure inviare richiesta a viverepositivo@yahoo.it

Membro Organizzativo della Association for Coaching, Italy una delle due maggiori Associazioni di settore a livello internazionale che riunisce oltre 5000 Coach in tutto il mondo in 48 Paesi


Per info viverepositivo@yahoo.it

Contatti 334/3238702

Il Blog di Judith Faulkner

Blog di Judith Faulkner
Powered by Conduit Mobile

Blog di Judith Faulkner

Guest House"La dolce villa"

Clicca sul LinkInserzioni pubblicitarieInserisci un tuo banner nel sito Vivere Positivo

Per  informazioni

cell.
334/3238702

oppure invia una email a:


viverepositivo@yahoo.itSei appassionato/a di Giappone e Culture Orientali?

Vuoi imparare il Giapponese?

Visita allora il sito:

www.SakuraMagazine.com




Cicli Zarma   è un marchio che firma uno stile di vita sportiva all’insegna di un’attività svolta con passione, determinazione


 E’ ITALIANISSIMA.

Cicli Zarma….un marchio che vive dal 1927 ci puoi trovare in:via Roma,185

35027 - Noventa Padovana

PADOVATel. 049.625184

Fax 049.8932360

Compleanni

Compleanni di domani

© 2018   Creato da Domenica.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio